Pag

Studenti

Commentate la vostra esperienza!!!



106 commenti:

  1. Bellissima esperienza! Ho saputo dell'esistenza della clinica mobile da poco e mi è sembrata un'occasione da non perdere essendo interessato agli animali da reddito.
    Spero di poter partecipare alle prossime uscite! :)

    RispondiElimina
  2. Credo che la clinica mobile sia una delle cose più efficienti della nostra università!
    F.

    RispondiElimina
  3. Se sin da piccoli avete sognato di diventare un veterinario on the road,se immaginarvi in un triste studiolo ad aspettare la signora con il suo chihuahua obeso vi fa inorridire,sicuramente la clinica mobile è ciò che fa per voi!E' un'esperienza formativa senza precedenti! I professori sono molto disponibili nel rispondere alle mille domande di noi futuri veterinari, ed essendoci diversi casi clinici ti insegnano come ci si approccia al caso...partendo dal compilare la scheda anamnestica, al preparare l'animale per l'intervento chirurgico e col tempo potreste ritrovarvi anche in prima linea! Finalmente qualcosa di veramente utile per gli aspiranti buiatri!!! Solo pochi professori hanno la voglia e la pazienza di prenderci per mano ed insegnarci passo per passo i famigerati trucchi del mestiere! Non vedo l'ora di partecipare alla prossima uscita! Francesca Sarcinella

    RispondiElimina
  4. Grazie per il supporto ai l.p. senza conflitto di interessi e costruttiva collaborazione per una didattica innovativa!
    Alfredo dr. Ferrara

    RispondiElimina
  5. Svegliarsi presto la mattina, condividere un viaggio tra le campagne pugliesi alla ricerca dell'allevamento sperduto, fare colazione tutti insieme e lavorare come un team... tutto questo è la clinica mobile per me ! Un' occasione per vedere con i propri occhi la realtà del lavoro sul campo del veterinario, con sole e con la pioggia, con il freddo e con l'afa ; un 'occasione per capire come approcciarsi davanti ad un allevatore che oltre essere un proprietario di animali da reddito è anche un imprenditore. Io la mie occasioni con la clinica mobile le ho avute e sono contento di aver vissuto questa fantastica esperienza con la quale ho "messo mani" per davvero su animali ( vacche, ovini e caprini ) sentendomi davvero importante ed efficace per il successo di un intervento. Grazie al professor Sciorsci, alla professoressa Rizzo e ai vari collaboratori ho messo i miei primi punti di sutura, ho effettuato una ruminotomia, ho fatto un'anestesia epidurale e locale, ho imparato a saper distinguere i ferri utilizzati durante un intervento, potrei continuare ma rovinerei la sorpresa a chi deve ancora vivere questa esperienza...perciò invito chiunque a salire a bordo di quel furgone bianco e provare l'esperienza della clinica mobile. Con la massima sincerità Giandomenico Ferrante

    RispondiElimina
  6. I think it's a great oportunity for all the students because clinica mobila means to apply the theory in the unexpected situations, and being succesfull means to be a good doctor. Participating to the surgery today, with prof. Sciorsci and his collaborators was a great honour for me and I hope to be part of more actions like this.
    Diana (Erasmus student from România)

    RispondiElimina
  7. E' doveroso scrivere la mia esperienza, sono stato tra i primi a segurire la clinica mobioe , prima da studente e ora da libero professionista. Tale attività ha permesso a me , neolaureato di inserirmi subito nel mondo del lavoro , infatti la base acquisite dalle esperienze in campo mi ha permesso di iniziare subito a lavorare .
    la bellezza di questo progetto e' che lo studente riesce a capire in campo molte notizioni e a acquisire quella manualità utile al lavoro.
    Adesso da libero professionista il martedi seguo ancora la clinica mobile , lavoro permettendo .
    ora concludo ringraziando il prof Sciorsci e la prof.Rizzo e esortando la facoltà e l' ateneo a investire in questo progetto .
    Michele Roberto Terlizzi meglio conosciuto come michelino

    RispondiElimina
  8. La "Cinica Mobile" è una delle poche iniziative che mettono la nostra facoltà a contatto con il "mondo reale" ovvero con quello che ci aspetta dopo la laurea... consiglio a tutti gli studenti di apprifittare di questa fantastica opportunità messa a nostra disposizione grazie al Prof. Sciorsci e a tutto il suo staff. Ricordo con nostalgia le giornate passate in campagna, con la pioggia o il sole cocente, ma accompagnate dall'entusiasmo di affrontare, in maniera sempre interattiva, un nuovo caso clinico. Mi auguro che prendendo spunto da questa esperienza possa crescere sempre più il rapporto tra la facoltà di Medicina veterinaria e il mondo libero-professionale in modo da poter migliorare sempre di più le nostre conoscenze e la nostra professionalità. Valentina Bisaccia

    RispondiElimina
  9. Per fortuna in questa università qualche professore ha voglia di lavorare e fare didattica applicata seriamente e uno di questi è il Prof. Sciorsci e tutto il suo staff. La mia è stata una bellissima esperienza da ripetere.

    RispondiElimina
  10. L’attività della clinica mobile è, ad oggi, l’unica realtà che permette agli studenti interessati agli animali da reddito di poter applicare in campo tutte le nozioni che a lezione ci vengono fornite. L’esperienza e la professionalità che il prof. Sciorsci, la Prof.ssa Rizzo e tutti i loro collaboratori ci trasmettono sono per noi studenti un bagaglio formativo sia dal punto di vista didattico che dal punto di vista umano. La mia esperienza è del tutto positiva in quanto ho avuto modo di imparare tanto, di lavorare praticamente al fianco dei docenti, di essere protagonista attiva delle attività e di poter toccare con mano quella che è la realtà con cui avremo a che fare una volta usciti dall’università. Posso solo consigliare a chiunque non l’avesse ancora fatto di prendervi parte perché le parole non sono sufficienti per far comprendere tutto quello che la clinica mobile ha di buono da offrirci.
    Mi sembra doveroso ringraziare il Prof. Sciorsci e tutto il suo staff per l’impegno che investono in questo progetto e per la passione che riescono a trasmettere a noi studenti. Tina Disanto

    RispondiElimina
  11. Le Clinica Mobile è un esempio di didattica unico nel suo genere: permette a noi studenti di sentirci già un po' "Medici Veterinari", ci insegna come applicare nella realtà, le nozioni teoriche viste a lezione e ci fa conoscere il mondo che ci aspetta fuori dall'Università.
    Ritengo che il modo migliore per definire ciò che ruota attorno alla Clinica Mobile è utilizzare l'espressione 'laboratorio', inteso come luogo di formazione, di partecipazione e di crescita degli studenti, in quanto tali e, soprattutto, in quanto individui che fanno parte di una squadra, quella della Clinica Mobile. Ed io sono orgogliosa di farne parte!
    Quella della Clinica Mobile è un'esperienza che consiglio di fare a tutti i miei colleghi studenti, anche se non sono specificatamente interessati agli animali da reddito, perchè sono convinta che una giornata con la Clinica Mobile e con tutto il suo staff, dà degli insegnamenti utili sia dal punto di vista professionale, sia e soprattutto da quello umano. Grazie!

    Elisabetta Mansullo

    RispondiElimina
  12. Vorrei esordire con un proverbio che più volte ho sentito citare a mio nonno e a tutti quelli che ne sanno più di me per eperienza ed età anagrafica: "la pratica vince la scienza!!!"...E l' unità mobile della nostrà facoltà è proprio questo, applicare quello che nel corso degli anni abbiamo imparato dai testi. Il rendere pragmatico tutta la nostra conoscenza...grazie ed esclusivamente al lavoro e alla passione dei nostri docenti, quali, il prof. Sciorsci e la prof. ssa Rizzo, a loro va la mia gratitudine per aver dato a me studente la possibilità di toccare con mano quale sarà la vita, domani, di me libero professionista! Grazie di cuore!!!! Francesco Locantore

    RispondiElimina
  13. Un doveroso grazie all’equipe della clinica mobile veterinaria, diretta con estrema competenza e grande pazienza dal prof. Sciorsci e dalla Prof. Rizzo, coadiuvati dalle dott.sse Pantaleo, Mutinati, Roncetti e Piccinno per l’esperienza pratica e chirurgica che mi ha fatto fare.
    Li ho voluti nominare tutti perché ognuno nel proprio ruolo ha dimostrato competenza e soprattutto disponibilità nei confronti di noi studenti alle prime armi che, tra i primi, abbiamo partecipato a questa attività.
    Esperienza che dovrebbe essere qualificata come necessario complemento all’attività didattica per potere intraprendere la professione. Senza questa meravigliosa opportunità non avrei acquisito quel bagaglio di manualità e sicurezza che mi hanno permesso di ricevere i complimenti da parte dei veterinari con cui ho collaborato in sala operatoria, dopo la laurea.
    Non mi dilungo nella descrizione degli interventi cui ho partecipato, ampiamente riportati in questo blog, ma ritengo che la clinica mobile dovrebbe essere resa obbligatoria e funzionale al corso di laurea che ho conseguito presso l’università di Bari.
    Grazie ancora, Federica

    RispondiElimina
  14. Ho partecipato più volte alle uscite con la clinica mobile e sono sempre tornata a casa contenta e appagata...contenta per la giornata trascorsa in splendida compagnia in giro per le campagne pugliesi...e appagata per aver finalmente toccato con mano quello che avevo solo letto sui libri, per aver affrontato con professori e colleghi un caso che non avevo mai visto dal vivo..insomma ho iniziato veramente a capire cosa vuol dire fare il veterinario!...gentilezza e disponibilità di tutto il team mi hanno sempre messa estremamente a mio agio e per questo continuerò sicuramente a seguire la clinica anche dopo la laurea. Consiglio a tutti di partecipare perché è veramente un'esperienza da non perdere!! ...e come molti mi auguro che l'iniziativa venga portata avanti, divulgata ed ampliata... perché significherebbe superare finalmente gli ormai vecchi metodi di fare didattica universitaria!
    Complimenti ai Prof e allo staff per tutto il lavoro che fate per noi. Grazie!

    RispondiElimina
  15. Partecipando diverse volte alle uscite della clinica mobile, ho avuto la possibilità di apprendere e vedere direttamente in campo, gestioni di casi clinici, precedentemente affrontati in aule universitarie o studiate sui libri, rendendo in questo modo più funzionali e pragmatiche le conoscenze acquisite. Inoltre abbiamo affiancato i professori e le dottoresse dell' equipe della clinica mobile, nelle diagnosi cliniche,nella chirurgia, i quali ci hanno guidato pazientemente, mettendo a nostra disposizione la loro esperienza e professionalità. Concludo esortando i miei colleghi studenti,a partcipare alle uscite con la Clinica mobile, perchè credo vivamente che ci consente di acquisire direttemente in campo praticità e conoscenze del reale mondo lavorativo, facilitando l' inserimento dopo la laurea nel mondo veterinario degli animali da reddito. Tommaso Manelli

    RispondiElimina
  16. L'esperienza della clinica mobile è stata "unica" e indimenticabile, grazie alla clinica mobile ho messo in pratica buona parte di quello che ho studiato sui libri: ho effettuato la mia prima esplorazione rettale, ho messo i miei primi punti di sutura e ho capito l'importanza del lavoro di equipe.
    Consiglio a tutti gli studenti di provare la clinica mobile per trascorrere una giornata in "campo" con uno staff capace di mixare professionalità e simpatia.
    Un grazie a tutti.
    A presto !!!!
    Adriana Battista

    RispondiElimina
  17. La clinica mobile veterinaria dell' Università di Bari cordinata dal prof. R.L Sciorsci e dalla Dott.ssa A.Rizzo può essere un' esperienza sicuramente valida e costruttiva per tutti coloro che si affacciano nel mondo degli animali da reddito. Un modo sicuramente innovativo di fare didattica in campo per capire quella che realmente è la professione medico-veterinaria abbinando ad una preparazione accademica fatta all' universita un' esperienza pratica,nelle discipline cliniche e chirurgiche. E' molto utile confrontarsi anche con i liberi professionisti che collaborano con la clinica mobile che conoscono sicuramente a fondo il nostro territorio, e le esigenze degli allevatori frequentando queste realtà tutti i giorni. Quindi chi ha voglia di approfondire le proprie conoscenze sugli animali da reddito non può non partecipare a questa attività che completa la preparazione del medico veterinario. Grazie!! Andrea Santillo

    RispondiElimina
  18. Tutta l'esperienza, la professionalità e la conoscenza che il professor R.L. Sciorsci e la sua squadra di collaboratori ci hanno trasmesso attraverso le lezioni del corso di ostetricia e clinica ostetrica sono state di grande utilità per la nostra formazione. La clinica mobile però è stato quello strumento che ha fatto la differenza perchè ci ha dato la possibilità di crescere anche da un punto di vista professionale, facendoci mettere in pratica tutto ciò che avevamo imparato. Osservare un caso clinico, diagnosticare un problema, ma soprattutto risolverlo nel migliore dei modi, mettendo in prima linea gli studenti ad affrontare ciò che è la realtà della professione medico veterinaria. Grazie. Luca Gentile.

    RispondiElimina
  19. Mi unisco anche io ai commenti di encomio sull'esperienza della clinica mobile.
    Il professor Sciorsci e la professoressa Rizzo con pazienza, professionalità e serietà ci consentono di mettere in pratica l'iter semiologico e clinico appreso a lezione. Vengono quindi discusse e praticate le procedure terapeutiche degli eventuali casi clinici riscontrati in campo, siano esse mediche o chirurgiche. I suddetti casi clinici possono essere i più svariati e riguardano pressoché tutti gli apparati (riproduttivo, tegumentario, digerente etc.)
    L'esperienza della clinica mobile consente inoltre a noi studenti e futuri medici veterinari di interfacciarci in maniera costruttiva con i titolari delle aziende e gli operai di stalla, persone appartenenti spesso alle più svariate nazionalità ed etnie.
    Lo staff che affianca i docenti è sempre disponibilissimo e predisposto ad ulteriori chiarimenti in sede universitaria.
    Nondimeno il servizio offerto a titolo estremamente gratuito dai docenti consente agli allevatori di poter risolvere i problemi riscontrati nella pratica quotidiana senza gravare sulla economia di stalla.
    Mi permetto di esortare i colleghi studenti a tuffarsi in questa esperienza irripetibile che arricchisce il nostro bagaglio di conoscenza e ci consente di passare, nel meraviglioso entroterra pugliese, una giornata in armonia e serenità da medici veterinari.
    Calogero Genovese.

    RispondiElimina
  20. Vorrei spendere anche io qualche minuto del mio tempo a scrivere un commento circa questa iniziativa che i miei colleghi insieme ai Prof stanno portando avanti con molta dedizione, entusiasmo e impegno...e tanta PASSIONE!Per me l'idea di UNIVERSITA' è proprio questa:Professori e studenti che in campo cercano di mettere in pratica tutto ciò che è stato...e che viene giornalmente appreso dai libri...E NON SOLO ... Professori che con tanta dedizione e umiltà insegnano:l'ESPERIENZA la PASSIONE, l'APPROCCIO all'animale e al proprietario, la PROFESSIONALITA',DISCUSSIONI circa il caso clinico..tutte "cose"che si imparano in campo e che i libri da soli non possono trasmetterti.Io, in primis,mi sento di ringraziare di cuore il Prof.Sciorsci,un Professore come pochi che ama il suo lavoro e con dedizione cerca di trasmetterci tutto il suo sapere e la sua PASSIONE, la Professoressa Rizzo che ,degna allieva del suo Maestro,ha dimostrato che fare il Veterinario dei grossi animali non ci vuole la forza di un uomo,la Dottoressa Maria nonchè mia ex collega di corso che ha dimostrato che con impegno e dedizione si può arrivare lontano ,sempre disponibile anche lei a spiegarci e a farci entrare nel favoloso mondo dell'anestesia e tutti i collaboratori che danno giornalmente il loro contribuito all'interno di questa equipe meravigliosa dove ognuno è importante e indispensabile assieme agli altri.Ringrazio i miei colleghi che hanno contribuito anche loro alla realizzazione ,ma soprattutto al prosieguo di questa attività e che continuano a sostenerla anche con la realizzazione di questo blog.La mia esperienza con la clinica mobile è stata ogni volta diversa;li ho seguiti tre volte e tutte e tre le volte ho imparato cose nuove...l'unica cosa che le accomuna ,ma che ogni volta viene rafforzata sempre più è la PASSIONE per quello che sto studiando!!!GRAZIE A TUTTA L'EQUIPE...non vedo l'ora di ritornarci...
    Nadia

    RispondiElimina
  21. Anche a me sembra giusto e doveroso raccontare la mia esperienza in questa splendida realtà che è la clinica mobile. La clinica mobile nasce dall'iniziativa del Prof. Raffaele Luigi Sciorsci e dalla Prof.ssa Annalisa Rizzo che mettono quotidianamente a disposizione di noi studenti sapere, professionalità e passione verso ciò che rappresenta una branca fondamentale della Medicina Veterinaria. Un'esperienza imperdibile per lo studente che, dal libro e dalle nozioni, viene condotto per mano verso la sua futura professione. Ringrazio di vero cuore il Prof. Raffaele Luigi Sciorsci, la Prof.ssa Annalisa Rizzo e i collaboratori. Salvo Di Piazza

    RispondiElimina
  22. La clinica mobile permette agli studenti di vivere la "vita di campo", un lato della professione affascinante ma spesso sconosciuto a molti. È un'esperienza da cui lo studente può solo imparare in quanto viene svolto qualcosa di pratico non trascurando MAI il lato teorico! Consiglio a tutti di sfruttare tale occasione !!

    RispondiElimina
  23. Credo che la clinica mobile sia un'esperienza formativa unica.. I professori sono molto disponibili a domande sul caso clinico, oltre al fatto che è possibile partecipare in prima linea all'intervento! Respirare un pó d'aria di campagna vi farà bene... Approfittiamone ragazzi!

    RispondiElimina
  24. E' stata la mia prima esperienza con la clinica mobile ed è stata incredibile, perchè si impara davvero tanto e bene, ma soprattutto di prende coscienza della verà realtà a cui è chiamato il veterinario ogni giorno e che solo un'esperienza da campo ti può dare. un team quello della clinica mobile davvero speciale che ti aiutano, insegnano e ti permettono di agire senza alcun timore , facendoti sentire parte integrante del gruppo e non l'ultimo arrivato. ragazzi davvero approfittate di questa opportunità perchè fidatevi una volta conclusa la giornata con la clinica mobile avrete solo voglia di farne altre!

    RispondiElimina
  25. La clinica mobile è stata per me una scoperta e una grande sorpresa.
    Mi ha permesso di vedere e di toccare con mano la concretezza di questo meraviglioso lavoro, la veterinaria finalizzata alla vita, il lavoro di gruppo , la possibilità di interagire in prima persona, insomma un’esperienza che consiglio a tutti gli studenti.
    Un grazie va al Prof.Sciorsci e alla Prof.ssa Rizzo per la passione e la dedizione con cui svolgono questa attività e a tutti i collaboratori.
    Rossana Mastronuzzi

    RispondiElimina
  26. È inutile dilungarsi: esperienza fantastica, interessante e utilissima... Assolutamente da rifare!!!!!!!!!!!!!!! Se dovessi dare un voto da 1 a 10 darei 10! :)

    RispondiElimina
  27. Bellissima iniziativa! Un 'esperienza sul campo che proverò a breve :) un grande pollice alzato per disponibilità e impegno dei docenti e degli studenti che se ne occupano in prima persona !
    Alessia Marrone

    RispondiElimina
  28. Iniziativa grandiosa! Chiunque abbia provato quest'esperienza ne parla con ammirazione, lodando l'impegno dei docenti e la loro disponibilità! Anch'io la proverò quanto prima!

    RispondiElimina
  29. Quello che è il mio pensiero sulla Clinica Mobile è stato già ampiamente espresso nei commenti precedenti.
    Anche io ho avuto modo di apprezzare la professionalità e la disponibilità di tutta l'equipe, nonchè la passione e la voglia di trasmetterla insieme ai saperi e alle conoscenze scientifiche.
    Posso aggiungere che il corso di Clinica Ostetrica e Andrologica coadiuvato dalle uscite con la clinica mobile sono state per me un'ottima esperienza dal punto di vista formativo ma non solo, quindi voglio ringraziare il Prof. Sciorsci e la Prof.ssa Rizzo.
    Ottima squadra! voto 10!
    Gaetano Perrone

    RispondiElimina
  30. Bellissima esperienza!!! 10+ a tutto lo staff. Sicuramente avrò modo di partecipare tante altre volte in modo da acquisire conoscenze pratiche che integrano le basi teoriche imparate durante le lezioni frontali.

    RispondiElimina
  31. Ringrazio il prof Sciorsci e tutto il suo staff per l'esperienza davvero unica e per l' importante opportunità di apprendimento pratico/teorico della sua disciplina. Questa giornata mi ha permesso di essere protagonista, di sentirmi utile e di avere un contatto ravvicinato con una realtà lavorativa che sentivo troppo lontana nelle lunghe ore di studio. Spero che il vostro lavoro possa essere utile a molti altri studenti che come me hanno tanta voglia di imparare e che per la prima volta possano mettere davvero mani. Ringrazio anche gli studenti che si occupano del Blog che ci consentono di mantenerci sempre informati sui nuovi casi clinici. Buon lavoro a tutti e alla prossima!

    RispondiElimina
  32. I primi 32 commenti a favore della clinica mobile la dicono lunga sull'operato della stessa. Una bellissima realtà: organizzazione, spirito di squadra, desiderio di risolvere il caso clinico, lezioni pratiche. Questo e molto altro sono la Clinica Mobile. Un grazie di cuore vanno al prof. Sciorsci, alla prof.ssa Rizzo e alle dottoresse per la loro completa disponibilità nei confronti di noi studenti. Sono sempre pronti a rispondere alle nostre domande. Un ringraziamento va anche agli studenti che gestiscono in prima persona il blog. Ad maiora, non vedo l'ora di riuscire con la clinica mobile.

    RispondiElimina
  33. Scrivere un diario significa lasciare una testimonianza della tua esperienza e permettere ad altre persone di leggerla e prenderla in considerazione.
    La clinica mobile è entusiasmarsi d avanti alla medicina, applicare ciò che si studia, cominciare a prendere coscienza del lavoro, di quanto studiare serva ad eccellere in quello che si fa, ti sprona a porti domande, ad apprendere con interesse, con passione e con più consapevolezza.
    È un connubio perfetto tra pratica e teoria! Il vantaggio per noi è riuscire a fissare meglio delle informazioni, imparare a mettersi alla prova e gestire al meglio le situazioni di tensione avendo come esempio l esperienza dei docenti.
    Professionalità dei docenti, spirito di squadra, serenità e amicizia...e tutto questo a contatto con la natura!!! un esperienza che mi ha davvero arricchita e che voglio ripetere!

    RispondiElimina
  34. Bellissima esperienza!!! da rifare

    RispondiElimina
  35. Una giornata da ripetere: organizzazione, spirito di gruppo, professionalità e tanto altro per imparare a diventare un veterinario di alto livello. Sono molto contenta di essere venuta, ringrazio il prof. Sciorsci e tutto il suo team per averci reso partecipi attivamente a questa giornata di clinica mobile. Alla prossima!!!!! ;)

    RispondiElimina
  36. Uno dei pochi se non l'unico fiore all'occhiello della nostra facoltà. Ringrazio il professore Sciorsci e il suo team per le tantissime nozioni che ci forniscono. Ci danno modo di conoscere una realtà che noi studenti non conosciamo e ci permettono di far vedere concretamente tutto ciò che studiamo dai libri. Grazie di cuore. Alla prossima uscita!!

    RispondiElimina
  37. Le esperienze fatte con la clinica mobile sono quanto di meglio ci si possa aspettare: connubio perfetto tra la teoria e l' esperienza in campo, permette a noi studenti di mettere in pratica le conoscenze aqcuisite in anni di studio grazie alla disponibilità, all' esperienza e alla professionalità del prof. Sciorsci, della prof.ssa. Rizzo e delle dottoresse. Le nozioni avute in aula durante il corso di ostetricia e clinica ostetrica sono state chiare, esaustive e molto interessanti ma ciò che ha fatto la differenza sono state proprio le uscite con la Clinica Mobile che ci hanno permesso di valutare caso per caso le problematiche trattate (e non solo). Uno strumento davvero utilissimo e alla portata di tutti che riempie il nostro bagaglio professionale senza riserve. Non mi resta che ringraziare tutto lo staff e invogliare i ragazzi a farsi avanti: l' opportunità è delle migliori!!

    RispondiElimina
  38. Una delle opportunità migliori per vivere da vicino la vita del vero veterinario.
    Ho deciso di svolgere questa esperienza per i tirocini del quinto anno di clinica ostetrica, ma sono rimasta così entusiasta che vorrei continuare a partecipare alle uscite in campo della clinica mobile. Tanti anni di studio teorico e di nozioni apprese sui libri di testo, trovano il loro senso in queste uscite dove si impara davvero tanto: l'approccio con i grossi animali, la compilazione di una cartella clinica, l'iter diagnostico ecc..Sono rimasta colpita dalla vastità di casi clinici che ci sono stati presentati: parto cesareo, lacerazioni perianali, ernie, trapianto cutaneo, crampo rotuleo. Le spiegazioni fornite prima di ogni intervento, la possibilità di vedere direttamente le lesioni, prendendo parte attivamente agli interventi chirurgici in campo rappresentano, a mio avviso, il metodo di insegnamento migliore.
    Un grazie a tutto lo staff in particolare al prof Sciorsci e alla professoressa Rizzo per questa grande opportunità che ci viene offerta

    Francesca Fazio

    RispondiElimina
  39. "Quae medicamenta non sanant, ferrum sanat, quae ferrum non sanat, ignis sanat". Chi ha partecipato alle attività della clinica mobile non può non aver ascoltato il sopracitato aforisma che il professore Raffaele Luigi Sciorsci regala agli studenti prima di approcciarsi ad ogni caso clinico. Un modo simpatico e significativo che da il via alle attività della clinica mobile rubando un sorriso a tutti i presenti. Sarebbe ripetitivo e superfluo dire dell'utilità e dell'importanza che la clinica mobile riveste all'interno della Facoltà e nel percorso professionalizzante di noi studenti. Un grazie sincero per il lavoro che assiduamente e con dedizione svolgono il Prof. Raffaele Luigi Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la Dottoressa Mariagrazia Piccinno, costantemente impegnati per la crescita formativa e personale di tutti i discenti. Un rapporto docente-studente che auguriamo tutti possano provare e farne tesoro negli anni più importanti della loro crescita umana e lavorativa. Ale e Salvo

    RispondiElimina
  40. La clinica mobile è una finestra aperta sul mondo reale, un modo per apprendere il comprendere come muoverci nel settore in cui abbiamo scelto di operare, iniziando a prendere confidenza con una realtà che credevo di conoscere solo al termine dei miei studi... e invece grazie al Prof. Raffaele Luigi Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la Dottoressa Mariagrazia Piccinno,che si sono impegnai per darci questa splendida possibilità di partecipare alle uscite in campo con la clinica mobile con organizzazione, spirito di squadra, desiderio di apprendere come risolvere il caso clinico attraverso lezioni pratiche, potrò uscire dalla facoltà di medicina veterinaria non solo con il mio bel diploma di laurea e una buona conoscenza teorica, ma con un bagaglio di esperienza di campo utile a valorizzarmi nello svolgimento della mia professione. La strada da fare è ancora lunga e con la speranza che questi incontri continuino con così grande amicizia e collaborazione, vi ringrazio infinitamente. Michela
    PS "Quae medicamenta non sanant, ferrum sanat, quae ferrum non sanat, ignis sanat".

    RispondiElimina
  41. Quod medicamenta non sanant, ferrum sanat; quod ferrum non sanat, ignis sanat; quod vero ignis non sanat, insanabilia reputari oportet.
    Il ferro della Prof.ssa Rizzo e del Prof. Sciorsci, coadiuvati dalla Dottoressa Piccinno, riesce a sanare anche l'insanabile: ieri ho assistito a un intervento si oftalmologia, neoformazione tumorale all'altezza della palpebra inferiore, sembrava irrecuperabile l'occhio e invece grazie alla professionalità e competenza del team che ci hanno accompagnato alla visita di questo caso cinico, l'occhio è stato salvato e noi studenti abbiamo usufruito di questa splendida esperienza!
    Non è semplice avere quell'elasticità mentale che permette al medico veterinario collegare tutte le sue conoscenze, dalla farmacologia alla chirurgia, consentendogli di operare in campo con sicurezza e professionalità! teoria e pratica sono cose che non possono essere scisse!!!
    GRAZIE per questa opportunità!
    Michela

    RispondiElimina
  42. Un'occasione unica per tutti gli studenti che si interessano di animali da reddito! Grazie alla grande disponibilità dei professori e degli allevatori possiamo finalmente mettere in pratica tutte le lezioni teoriche che, seppur necessarie, da sole non sono in grado di formare un veterinario al 100%. Quindi se avete voglia di migliorare, grazie alla clinica mobile non vi resta che sporcarvi le mani! ;)

    RispondiElimina
  43. Un esperienza formativa come poche al mondo: la clinica mobile non è solo un modo per confrontarsi con i colleghi e imparare in campo nozioni teoriche e pratiche nuove che a lezione non si è avuto modo di trattare o acquisire la capacità di affrontare un caso clinico facendo ricorso a tutte le conoscenze apprese fin ora, ma è anche prendere coscienza di che significa il sacrificio! molto spesso si resta legati alla visione del veterinario chiuso nel suo ambulatorio veterinario con il cane e il gatto, ma la figura del veterinario è anche quella del libero professionista aziendale che si alza presto la mattina, che a con qualsiasi condizione ambientale si reca in azienda dove avrà a che fare con la clinica di campo dove le condizioni non sono quelle di una classica sala operatoria, dove l'adeguatezza del campo operatorio dipende dalla sua capacità di organizzare e gestire la situazione, senza venir mai meno alle condizioni etiche di benessere animale!
    E grazie al Prof. Raffaele Luigi Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la Dottoressa Mariagrazia Piccinno, impariamo a muovere i primi passi in questo campo, impariamo a far fronte alle difficoltà, impariamo ad analizzare con attenzione ogni caso clinico che non è mai uguale al precedente, impariamo a relazionarci con il cliente che ripone in noi fiducia affidandoci i propri animali, impariamo ... impariamo ... impariamo!!! Cosi bisognerebbe vivere l'università, confrontandoci tra noi studenti sotto la guida attenta del prof e di fronti a casi clinici reali, solo in questo modo dall'università usciranno veri professionisti! Non tutti hanno la possibilità di fare esperienza diretta prima della laurea, e questo un ottimo modo per permettere agli studenti di poter arrivare preparati nel mondo del lavoro, senza spaventarsi alla prima difficoltà perché con la clinica mobile impariamo a gestire sia noi stessi che i casi clinici, è veramente un occasione fantastica e altamente formativa!!!
    Non c'è modo più nobile, entusiasmante e professionalizzante che sporcarsi le mani con la clinica mobile, perché infondo tutti sono capaci di leggere dei concetti e ripeterli a memoria su richiesta, ma ben altra cosa è riuscir ad attingere a tutte le nozioni imparate (partendo dall'anatomia, passando per la semeiotica e finendo applicando la chirurgia associata alla farmacologia) per applicare poi questi concetti nella pratica professionale!
    Grazie mille per questa splendida opportunità di crescita!

    Quod medicamenta non sanant, ferrum sanat; quod ferrum non sanat, ignis sanat; quod vero ignis non sanat, insanabilia reputari oportet.

    Questa settimana sono stati risolti bel tre casi clinici:
    1. presunta ernia ombellicale
    2. ovarectomia
    3. risoluzione di ascesso
    commentati nella sezione "casi clinici" molto utile da consultare per farsi un idea di ciò che si può imparare uscendo in clinica mobile e sopratutto per comprendere che ogni caso clinico è diverso dall'altro, e solo grazie a una buona base teorica associata alla pratica in campo che un veterinario può fare la differenza!

    RispondiElimina
  44. la clinica mobile è un'importantissima opportunità che viene data agli studenti per imparare a svolgere la professione del medico veterinario. Ci permette di vedere realmente come si manifestano le varie patologie e ci fa capire che la la pratica è completamente diversa dalla teoria. I professori sono disponibilissimi, prima ci spiegano i singoli casi teoricamente, in modo tale che poi possiamo andare a verificare ciò che hanno detto sull'animale. Peraltro è l'unico mezzo che abbiamo per imparare qualcosa sugli animali da reddito e perciò penso sia indispensabile. Sono davvero grata al prof Sciorsci, alla prof.ssa Rizzo ed alla dottoressa Piccino e spero di potervi partecipare tante altre volte perchè penso che il mezzo migliore per apprendere questa professione sia l'esperienza. Angelica

    RispondiElimina
  45. Posso solo ringraziare di vero cuore il Prof. Raffaele Luigi Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la Dottoressa Mariagrazia Piccinno per l'esperienza davvero unica e per l' importante opportunità di apprendimento pratico/teorico della sua disciplina.
    Questa giornata mi ha permesso di assistere ad un ovariectomia che con le sue peculiarità mi ha confermato che ogni caso clinico è diverso e quanto sia importante partecipare per imparare e capire come far fronte a ogni casistica! E' davvero una grande opportunità di crescita e di professionalizzazione!
    Ovviamente serve passione, la stessa che il prof e il suo team trasmette a chi partecipa a queste uscite, provare per credere...non ve ne pentirete!
    La teoria rende dottori, ma la pratica forma i medici!

    RispondiElimina
  46. E anche oggi la clinica mobile è stata per me una esperienza fantastica e unica!Mi ha permesso di vedere e di toccare con mano la concretezza di questo meraviglioso lavoro, e oggi ho avuto modo di vedere la veterinaria finalizzata alla vita: caso clinico di oggi è stato un parto cesareo da macrosomia relativa.
    Il lavoro di gruppo e la possibilità di interagire in prima persona rende questa esperienza altamente professionalizzante, quindi è un'esperienza che consiglio a tutti gli studenti.

    Un enorme grazie va al Prof.Sciorsci, alla Prof.ssa Rizzo e alla Dottoressa Mariagrazia Piccinno per la passione e la dedizione con cui svolgono questa attività.

    RispondiElimina
  47. anche quella di oggi è stata un'esperienza formativa unica soprattutto perchè oggi si è dimostrato che l'associazione e la collaborazione tra le diverse discipline (nel caso specifico clinica ostetrica e clinica medica) può portare solo risultati positivi in quanto permette allo studente di ricevere nella stessa sede e sullo stesso caso clinico informazioni che partono da punti di vista differenti ma che danno allo stesso tempo l'idea di insieme del caso clinico.
    Come al solito la clinica mobile non delude le aspettative!!

    RispondiElimina
  48. esperienza professionale ed umana di altissimo livello.La clinica mobile ti insegna il lavoro di squadra e sopratutto l'umiltà che spesso viene dimenticata dai "Dottori". voto 10/10

    RispondiElimina
  49. Quod medicamenta non sanant, ferrum sanat; quod ferrum non sanat, ignis sanat; quod vero ignis non sanat, insanabilia reputari oportet... e anche oggi i "ferri" del prof. Sciorsci con la collaborazione della dott.ssa Piccinno, hanno permesso che il miracolo della vita potesse avvenire senza problemi! Bellissima esperienza che invito a provare a tutti gli studenti di medicina veterinaria, affinché capiscano che la formazione e la professione di un veterinario parte dal libro ma si sviluppa in campo; se poi si ha la fortuna di avere accanto un mentore professionale e disponibile come il prof.Sciorsci e la dott. Piccinno, questa diventa un opportunità da non perdere!!! ^_^
    Io personalmente non finirò mai di ringraziarli per tutto quello che mi stanno insegnando! GRAZIEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  50. E quando pensi di aver imparato ad identificare all'esame obbiettivo particolare un ernia ombelicale, scopri che c'è sempre da imparare: il caso clinico di oggi è iniziato con la presentazione di una vitella di circa 2 mesi con sospetta ernia ombelicale, ma all'apertura siamo tutti rimasti sorpresi dal fatto che ciò che veniva palpato all'esame clinico non era un ansa intestinale bensì un coagulo di sangue organizzato con fibrina!
    Ogni giorno c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare e il campo offre l'opportunità di affrontare casistiche diverse permettendoci di arricchire il proprio bagaglio tecnico, rafforzando le nozioni teoriche apprese durate il corso di studio.
    Un grazie immenso al prof. Sciorsci e alla dott.ssa Piccinno che mettono a disposizione degli studenti tutta la loro esperienza e professionalità, permettendogli di poter sporcarsi le mani sotto la loro guida, in modo da arrivare preparati e più sicuri nel mondo del lavoro.

    RispondiElimina
  51. Interessanti esperienze in campo con la Clinica Mobile Veterinaria: un parto cesareo e un'ernia ombelicale!
    La pratica crea la teoria, dunque è fondamentale partecipare a queste stupende iniziative per poter "toccare con mano" tutto ciò che sui libri rimane, in un certo modo, astratto.
    Inoltre la pratica verifica la teoria, per questo motivo è buona norma studiare e avere dei riscontri in campo per dare un senso a ciò che nel nostro percorso universitario cerchiamo di approfondire, esame dopo esame.
    Possiamo leggere milioni di libri, ma l'abbondanza di nozioni e di emozioni che si provano in campo non è minimamente paragonabile ad ore ed ore di studio matto seduti su una scomoda sedia.
    Il Professor Sciorsci e la Dott.ssa Piccinno con grande passione e dedizione mettono a disposizione la loro conoscenza per tutti gli studenti. Non bisogna farsi sfuggire l'occasione di seguire e partecipare in prima persona ad attività così coinvolgenti.
    Parteciperò sicuramente a molte altre di queste favolose esperienze.
    Fabio

    RispondiElimina
  52. Ho avuto l'opportunità e l'onore di accompagnare il Prof. Sciorsci, la Prof.ssa Rizzo e la Dott.ssa Piccinno più volte nelle uscite con la Clinica Mobile e posso affermare che è sicuramente una delle esperienze più belle, emozionanti e formanti che uno studente di Medicina Veterinaria deve assolutamente provare, almeno una volta nelle sua carriera universitaria.
    Equipe professionale e disponibilissima, in grado di trasmetterti anche la più piccola informazione senza alcuna esitazione.
    Mi sento di definirle delle vere e proprie lezioni in campo, insegnamenti che sicuramente non andranno via facilmente, completamente diverse dalle classiche lezioni dietro il banco, rinchiusi nelle quattro mura di un'aula.
    Teoria e pratica non sono mai state così vicine e consiglio vivamente a TUTTI di non perdere occasione per provare questa magnifica esperienza...e parlo da appassionata di chirurgia dei piccoli animali! :)
    Ringrazio ancora l'intero Staff... Ad maiora!

    Rossella

    RispondiElimina
  53. Stupendo!!! Consiglio a tutti gli studenti di medicina veterinaria di seguire il prof. Sciorsci in queste esperienze in campo con un' equipe preparata e disponibile. Un nuovo modo semplice e più pratico di imparare ciò che sará poi il nostro lavoro quotidiano, osservando i colleghi più esperti e soprattutto mettendo mano quando possibile!!! Grazie a tutti quanti voi per questa esperienza indimenticabile!

    RispondiElimina
  54. La disponibilità del prof. Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e della dott.ssa Piccinno a partecipare alle uscite con la clinica mobile mi da la possibilità di apprendere e vedere direttamente in campo la gestioni dei casi clinici, mettere in pratica le nozioni di semiologia, diagnostica, patologia, farmacologia ecc... affrontati in aule o studiate sui libri, rendendo in questo modo più funzionali e pragmatiche le conoscenze acquisite; inoltre abbiamo la possibilità di affiancare i professori e le dottoresse dell'equipe della clinica mobile, nelle diagnosi cliniche,nella chirurgia, che guidandoci pazientemente, e mettendo a nostra disposizione la loro esperienza e professionalità ci danno la possibilità di acquisire capacità professionali utili per la nostra professione, insegnandoci anche l'importanza del lavoro di squadra. Concludo esortando i miei colleghi studenti,a partecipare alle uscite con la Clinica mobile, perché credo vivamente che ci consente di acquisire direttamente in campo praticità e conoscenze del reale mondo lavorativo, facilitando l' inserimento dopo la laurea nel mondo veterinario.Un ringraziamento va anche agli studenti che gestiscono in prima persona il blog ;) che ci mantiene sempre aggiornati anche quando non possiamo partecipare in modo diretto all'intervento.
    Ancora infinite grazie per questa splendida opportunità !!!

    RispondiElimina
  55. "Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendo" citazione Aristotele, ecco cosa facciamo con la clinica mobile sotto la guida del Prof. Sciorsci, della Prof.ssa Rizzo e la Dott.ssa Piccinno: impariamo a fare i veterinari, facendo i veterinari! Professori così disponibili e propensi ad insegnare la professione del medico veterinario non si incontrano tutti i giorni, siamo fortunati ad avere questa splendida opportunità e rinnovo l'invito a tutti gli studenti, che ancora non si sono approcciati alla clinica di campo, di provare cosa significa fare il veterinario alla "James Herriot", perché è un esperienza indimenticabile e altamente formativa, corredata da nuovi legami d'amicizia che rendono più coordinato ed efficiente il lavoro di squadra, che è fondamentale in questi casi.
    Un immenso e meritato GRAZIE per questa splendida esperienza!

    RispondiElimina
  56. Che dire, dopo quasi un anno di esperienze con la clinica mobile veterinaria mi sento migliorato sotto molteplici aspetti. Come sempre, grazie al team del Prof. Sciorsci, ci è data la possibilità di applicare in campo ciò che nelle aule viene dissertato e questo non può che arricchire il bagaglio di noi studenti. Inoltre ci viene data la possibilità di toccare con mano la straordinaria professione che ognuno di noi prima o poi si troverà a svolgere... Un grazie speciale a tutti coloro che rendono possibile tutto ciò!

    RispondiElimina
  57. " La pratica senza teoria è cieca, come cieca è la teoria senza la pratica" cit. Protagora.. ed è questo che la clinica mobile OFFRE a TUTTI gli studenti: teoria e pratica! Chiedendo in cambio solo voglia di fare e imparare. Grazie al Prof. Sciorsci, alla Prof.ssa Rizzo e alla Dott.ssa Piccinno per il sapere condiviso e la totale disponibilità. Azzurra

    RispondiElimina
  58. La bellezza della clinica mobile sta nella voglia di insegnare e di guidare noi studenti che hanno sia il prof Sciorsci che la dottoressa Piccinno!È un'esperienza unica...perché ci si comincia a sentire veramente un veterinario...il team è sempre disponibile per eventuali chiarimenti e anche se non hai molta esperienza,trovano sempre il modo di farti sentire utile,quindi dopo ogni intervento,ci si sente felici e soddisfatti,perché tutti abbiamo avuto la nostra parte in questo grande spettacolo quale è la clinica mobile!Grazie per avermi accolta tra voi! Francesca Sarcinella

    RispondiElimina
  59. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  60. ESORDISCO CON UN GRANDISSIMO GRAZIE al prof. Sciorsci e alla dottoressa Piccinno, che permettono questo connubio perfetto tra la teoria e l' esperienza in campo, che permette a noi studenti di mettere in pratica le conoscenze acquisite in questi anni di studio. Indubbiamente lo studio diligente e la pratica svolta in laboratorio durante le ore di esercitazione sono indispensabili per la formazione del medico veterinario, ma la vera chirurgia quella di campo nessun manuale di chirurgia, per quanto dettagliato sia, potrà sostituirla in termini di formazione e professionalizzazione: nessuno mai potrà spiegare la pressione da esercitare col bisturi per tagliare la cute senza andare a ledere gli organi sottostanti, o la durezza degli strati muscolari e cutanei che si avverte durante una sutura, o l'emozione/ansia che si prova nel collaborare ad un intervento o durante la prima incisione, sono tutte cose che solo chi le prova può comprendere. Ed è questo che si fa con la clinica mobile si diventa "capaci" prima che "abilitati", perché è facile dire " ok, sono laureato , sono abilitato ora posso esercitare la professione" ma se non hai mai provato a:
    distinguere un ernia da un onfalite
    fatto diagnosi di parto distocico
    eseguito una sutura continua incavigliata su animale in vivo
    preparato e eseguita induzione e mantenimento dell'anestesia
    ecc... tutte cose già sentite, studiate, acquisite ma magari mai masse in pratica, come si può pensare di poter iniziare a praticare la professione?! ecco la formazione che il prof Sciorsci e la dott.ssa Piccinno si impegnano, con pazienza, passione, professionalità e dedizione, a darci durante le uscite con la clinica mobile in modo da farci rendere conto di cosa ci siamo affannati a studiare, perché è facile imparare le nozioni che servono per passare l'esame, il difficile è attingere a quelle nozioni quando si presenta il caso clinico, momento in cui bisogna ricordare e mettere in pratica tutte le nozioni apprese dal primo all'ultimo anno per fare diagnosi e per decidere se risolverlo chirurgicamente o no. Invito pertanto tutti i colleghi, a prescindere dall'orientamento professionale (piccoli, grossi, non convenzionali ecc...) senza pregiudizi o timori, a partecipare a questa splendida iniziativa, che in mezzo a mille difficoltà, il prof. Siorsci si impegna a portare avanti per dare a tutti noi la possibilità di mettere in pratica ciò che abbiamo imparato e di imparare cose sempre nuove, il tutto contornato da spirito di collaborazione perché chiunque partecipa all'uscita è indispensabile per la riuscita dell'intervento: in quella giornata si diventa una squadra e si impara a far fronte a emergenze di campo, che sono ben diverse da quelle che si presentano in sala operatoria, ambiente di sicuro più idoneo e attrezzato per ogni evenienza, ma è nella difficoltà che si forma il vero professionista. Non voglio dilungarmi oltre perché le parole che noi possiamo scrivere nei nostri commenti non saranno mai sufficienti a descrivere la bellezza di questa esperienza, perciò rimboccatevi le maniche e senza indugio venite a sporcarvi le mani, perché un occasione così non ricapiterà!!!

    INFINITAMENTE GRAZIE ;)

    RispondiElimina
  61. che dire, penso non ci sia niente che faccia sentire noi studenti talmente soddisfatti e appagati come la grande Clinica Mobile! il connubio perfetto tra teoria, pratica e professionalità! andare in campo, analizzare con i propri occhi ogni caso clinico e mettere in atto con le nostre mani tutto ciò che finora ci siamo limitati a studiare sui libri e raccontare ai professori in sede d'esame. La clinica mobile è VERA, è PRATICA, è il meglio che uno studente possa volere! e la cosa più bella è che in campo tutti collaborano e alla fine dell'operazione il merito è un po' di tutti. Niente mi ha fatto sentire più fiera di studiare medicina Veterinaria!
    un grazie infinito a chi permette tutto ciò! mille grazie ai professori, ai ragazzi, al TEAM!!!
    un abbraccio e alla prossima! ;)
    Mariangela C.

    RispondiElimina
  62. bellissima esperienza che sicuramente rifarò,anzi cercherò di seguire la clinica mobile ogni settimana,col professore Sciorsci e la dottoressa Piccinno,che grazie a loro viene realizzato tutto.
    una combinazione di teoria e di pratica ,che tanto ci manca come futuri veterinari,ogni caso viene analizzato e trattato in modo professionale , in modo interattivo tra il professore,la dottoressa e gli studenti che hanno l'occasione di stimare e mettere in prova le loro abilità da veterinari.
    da vero una esperienza che consiglierei a tutti i studenti,una opportunità che deve essere usufruita da noi a massimo che si può.
    un grande GRAZIE a tutti quelli che lavorano per il nostro bene !
    Nikolaos Benos

    RispondiElimina
  63. Siano lodati la Clinica Mobile, il Dott. Sciorsci, la dott. Piccinno ed anche Alessio, futuro veterinario, tutti iper-disponibili nello spiegare e svolgere tutte le procedure di un taglio cesareo ad una bovina.
    Interessantissimo e coinvolgente, come poche cose del nostro corso di studio.
    Erano mesi, anzi anni, che alcuni dei miei più cari amici di facoltà continuavano a dirmi di provare un'uscita con la Clinica Mobile per vedere dal vivo certe procedure, ma anche per poter "fare" cose che altrimenti l'università ci porta solo a "studiare", seduti dietro ad una scrivania. Amici, ora dottori, che hanno contribuito anche a creare e "riempire" questo blog. Anche a loro va il mio grazie, perchè hanno creduto in un progetto e l'hanno sostenuto perchè ci credevano. E non avevo dubbi sul fatto che avrebbero avuto ragione...
    Baratterei a occhi schiusi mille giorni di lezione frontale in aula con cento uscite di questo tipo.
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  64. Se si potessero vivere giornate universitarie "canoniche" come quella passata con la Clinica Mobile, arriverei puntuale tutti i giorni, anzi prima, pronto a partire con il team del Prof. Sciorsci, con il supporto paziente della Dott.ssa Piccinno e del buon Alessio. La Clinica Mobile offre la possibilità di vedere e di affrontare la "vera vita" del veterinario che si sporca, che si stanca, che si confronta, pur di raggiungere il proprio obiettivo che nel nostro caso è stata la nascita di un vitello con un parto ceasareo. Beh, sicuramente è decisamente molto più entusiasmante "studiare" cosi, con tanta adrenalina in circolo, che seduto alla scrivania, imparando con fatica le nozioni scritte sui libri.
    Ringrazio nuovamente il Prof. Sciorsci per questa possibilità di crescita che ho potuto vivere con la Clinica Mobile!
    Roberto

    RispondiElimina
  65. Grazie grazie e ancora grazie. Non smetterò mai di ringraziare il prof. Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la dott.ssa Piccinno. Ho avuto la fortuna di incontrarli e di seguirli nel mio percorso di studio. Mi hanno dato tantissimo, sia da un punto si vista professionale che umano. Persone disponibilissime a qualsiasi ora del giorno e preparatissime professionalmente. Mi hanno fatto conoscere una realtà completamente diversa da quella dei banchi universitari e mi hanno accompagnato per mano al traguardo.
    Siete meravigliosi.
    Salvo

    RispondiElimina
  66. Grazie grazie e ancora grazie. Non smetterò mai di ringraziare il prof. Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la dott.ssa Piccinno. Ho avuto la fortuna di incontrarli e di seguirli nel mio percorso di studio. Mi hanno dato tantissimo, sia da un punto si vista professionale che umano. Persone disponibilissime a qualsiasi ora del giorno e preparatissime professionalmente. Mi hanno fatto conoscere una realtà completamente diversa da quella dei banchi universitari e mi hanno accompagnato per mano al traguardo.
    Siete meravigliosi.
    Salvo

    RispondiElimina
  67. Ho partecipato più volte alle uscite con la clinica mobile e sono sempre tornata a casa contenta e più preparata sia in teoria che in pratica. E' sempre una gioia trascorrere la giornata, in compagnia del team della clinica mobile e dei colleghi, in giro per le campagne pugliesi cogliendo l'opportunità di toccare con mano quello che avevo solo letto sui libri, affrontando con loro un caso che non avevo mai visto dal vivo. Uscita dopo uscita veramente sto imparando cosa vuol dire fare il veterinario alla James Herriot, grazie alla professionalità, gentilezza e disponibilità di tutto il team che mi ha sempre messa estremamente a mio agio e con pazienza spiegato passo passo le fasi di ogni intervento. Per questo continuerò sicuramente a seguire la clinica mobile finché mi sarà possibile e consiglio a tutti di partecipare perché è veramente un'esperienza da non perdere!!! Come molti, mi auguro che l'iniziativa venga portata avanti, divulgata ed ampliata... perché significherebbe superare finalmente gli ormai vecchi metodi di fare didattica universitaria!
    Complimenti al Prof Sciorsci, alla Prof.ssa Rizzo e alla Dott.ssa Piccinno per tutto il lavoro che fanno per noi. Grazie! Grazie! Grazie!

    RispondiElimina
  68. Uscire per una sospetta dislocazione abomasale, risolverla e, dopo una telefonata, catapultarsi in un altra azienda per far sì che il miracolo della vita possa avvenire: cesareo di necessità per macrosomia fetale relativa!!! queste sono le occasioni uniche che offre la clinica mobile a chi decide di partecipare; un modo per toccare con mano gli argomenti trattati a lezione, nulla di più utile per una idonea professionalizzazione! Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  69. Le uscite programmate che si trasformano in urgenza dopo una telefonata per un cesareo...se non sai esattamente di cosa parlo,se vorresti provare la sensazione di sentirti un vero veterinario di campo...l'unica cosa da fare è salire nel dipartimento di ostetrica e lasciare il tuo contatto...ti ritroverai catapultato nel mondo dei tuoi sogni da aspirante veterinario in un batter d'occhio!!! Come sempre una bellissima esperienza! Francesca Sarcinella

    RispondiElimina
  70. Francesca Vitale14 giugno 2016 08:00

    Ho avuto la possibilità di assistere a due interventi della clinica mobile, una fistola lattea e una dislocazione abomasale, ed è stata un' esperienza sorprendente. Prendere parte attiva agli interventi in campo, con le spiegazioni ed il costante sostegno del Prof. Sciorsci permette finalmente di mettere in atto gli anni di studio e di comprendere appieno la realtà del veterinario di allevamento. La preparazione e la disponibilità della Dott.essa Piccinno e di tutto il Team della Clinica Mobile permette la realizzazione di una attività pienamente formativa ed interessante. Non c'è cosa più bella del tornare a casa stanchi ma soddisfatti di aver vissuto un'esperienza unica, raramente concessa agli studenti tra i banchi dell'Ateneo, un assaggio della vera vita professionale.

    RispondiElimina
  71. Ho avuto un altra occasione di seguire la clinica mobile durante l'uscita per un caso clinico che avevo già visto: dislocazione abomasale, ma inutile descrivere la felicità di poterlo fare. perché ogni caso caso clinico ha le sue peculiarità, anche le la diagnosi è la stessa, il modus operandi con cui ci si approccia è caso-specifico!!! E' inoltre stato bello vedere che nuovi studenti si sono interessati alla clinica mobile, è un esperienza unico che continuo a consigliare a tutti, perché c'è differenza tra "so come si esegue un cesareo, da manale"; " so come si esegue una dislocazione abomasale, da manuale", "so cos'è una ruminotomia..." ecc... e "so eseguire ...." perché l'ho visto e perché ho messo mano! il fuoco scotta, il ghiaccio è freddo....lo sanno tutti ma finchè non metti la mano non puoi capire quanto è caldo o quanto è freddo, questa è la clinica mobile: E' LA POSSIBILITA' DI VEDERE E TOCCARE CON MANO!!! Ma oltre a questo c'è il lavoro di squadra, il confronto con chi ha più esperienza, la possibilità di fare nuove amicizia, insomma non è solo lavoro, e poi, come è capitato a me, a caso finito, ripetere l'esame di clinica ostetrica con i colleghi nel ritorno verso la facoltà!
    Ringrazio il prof. Sciorsci,la Dott.essa Piccinno che con la loro disponibilità, pazienza e preparazione sonno darci esperienze uniche e formative.

    RispondiElimina
  72. Ieri sera ho ricevuto l'invito della pagina Facebook della Clinica Mobile. Non si possono capire le emozioni che ho provato e i ricordi che ho rivissuto quando ho appreso la notizia. Per questo invito tutti gli studenti a partecipare alle uscite della Clinica Mobile e "sfruttare" la professionalità e il sapere di tre grandissime persone della facoltà di Medicina Veterinaria: il PROF. Sciorsci, la PROF.SSA Rizzo e la DOTT.SSA Piccinno. Persone di altissimo profilo professionale, culturale ma anche (e sopratutto) umano, sempre pronti ad ascoltare e a dare consigli. SIETE DELLE PERSONE FANTASTICHE!!!

    RispondiElimina
  73. Ieri è stata un altra giornata fantastica con la clinica mobile, caratterizzata da uno splendido imprevisto: siamo partiti per risolvere un ernia perineale e ci siamo ritrovati ad eseguire anche un cesareo su una capra!!! E' stato emozionante mettere i guanti e impugnare i ferri ma...L'uscita con la clinica mobile non è solo pratica chirurgica!
    Un giorno una persona mi disse: "la chirurgia è bella, è emozionante, però anche una scimmia ben ammaestrata sarebbe in grado di farla..."
    Inizialmente non riuscivo a capire perché mi avesse detto così, perché sminuire così una cosa così emozionante, ma poi ho capito che il pilastro portante di una dieresi è il PERCHÉ': capire il perché di dover tagliare (fare diagnosi)...il perché di come ricucire un organo cavo con un introflettente o la cute con punti a U (modalità di cicatrizzazione)...il perché di una terapia che sia anestetica o terapeuta (caso/specie specifica) è ciò che distingue un medico veterinario da chiunque altro si improvvisi a fare chirurgia.
    Ecco perché il prof. Sciorsci, la prof.ssa Rizzo e la dott.ssa Piccinno,durante le uscite con la clinica mobile, non iniziano mai un intervento senza prima eseguire un accurato esame clinico del soggetto esaminando ogni carattere utile alla diagnosi permettendo così agli studenti di capire "come" identificare la patologia, e, richiamando concetti di anatomia, fisiologia, farmacologia, il "perché" di come intervenire. Grazie alla loro esperienza, alla disponibilità e all'impegno che ogni giorno mettono in questo progetto, nonostante le innumerevoli difficoltà, che si riesce a fare differenza tra un "dottore praticone" e un medico veterinario coscienzioso di ciò che fa.
    Non saranno mai sufficienti i GRAZIE che lasciamo postati su questa pagina per ringraziarvi!!!

    GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE

    RispondiElimina
  74. GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE al prof. Sciorsci e alla prof.ssa Rizzo per averci dato tutto che sui libri abbiamo sottolineato e imparato, ma la teoria, per quanto indispensabile sia, da sola non basta! infatti il caso clinico a cui ho assistito in questa occasione è stato il classico caso fuori dagli schemi a cui siamo abituati studiando il modulo di clinica medica:visita clinica mediante esame obbiettivo particolare ha portato ad diagnosi di atonia ruminale da corpo estraneo che all'apertura si è riscontrata una dislocazione abomasale a sinistra, impossibile da diagnosticare durante la visita clinica a causa dell'enorme distensione del rumine. Le casistiche sono infinite e grazie ai professori che si impegnano a portare avanti questo progetto, abbiamo l'opportunità di capire come intervenire permettendoci di vedere e toccare con mano, sotto la loro guida, cosa ci attende fuori dai banchi universitari.
    Non smetterò mai di dirvi GRAZIE!!!

    RispondiElimina
  75. Un giorno il prof. Sciorsci raccontò del suo primo taglio cesareo e disse "alla fine mi abbracciai il vitello dalla felicità...", oggi io posso dir di aver provata la stessa emozione! la clinica mobile è stata impegnata in un caso clinico che prevedeva l'escissione del globo oculare e a me è toccata l'anestesia, e poter eseguire l'anestesia subcongiuntivale e tronculare dei nervi, sotto la guida del prof., è stato stupendo perché mi permetteva di eseguire in prima persona una tecnica che fino a quel momento avevo solo visto fare, e mi ha permesso di capire come inserire l'ago, come direzionarlo per andar a iniettare l'anestetico nei punti giusti e la forza necessaria per bypassare le resistenze che si incontrano...ma l'emozione più grande è stata quando il prof. mi ha detto che l'anestesia era stata eseguita bene: anche io in quel momento avrei abbracciato la vacca ;)
    Queste sono le emozioni che si provano a uscire con la clinica mobile, ma le parole non sono sufficienti a spiegarle, e perciò colgo l'occasione per ringraziare il Prof. Sciorsci e la Prof.ssa Rizzo che con il loro impegno ci permettono di intervenire in prima persona sia con siringhe e ferri alla mano, sia didatticamente perché ci permette di confrontare le nostre conoscenze e capire le eventuali lacune in modo tale da colmarle prima di entrare nel mondo del lavoro, e, secondo me, è questo che fa la differenza: capire perché usare ad es. un antibiotico o un anestetico piuttosto che un altro sfruttando il sinergismo farmacologico, somministrare o meno un cortisonico a seconda dello stato fisiologico, sapere come contrastare gli effetti collaterali dell'anestesia, ecc... sono tutti punti chiave che fanno di un veterinario un buon clinico prima che un bravo chirurgo!
    Non ci sono parole per esprimere da parte di tutti gli studenti che seguono l'attività della clinica mobile l'immensa gratitudine per l'impegno, la dedizione e la pazienza che i professori hanno nel portare avanti in mezzo a non poche difficoltà questo stupendo e costruttivo progetto.

    RispondiElimina
  76. Oggi, a causa di impegni di tesi non ho potuto partecipare alle attività della clinica mobile, ma come sempre quando non sono presente chiedo ai colleghi che hanno preso parte alla giornata come fosse andata la giornata, cosa avvessero fatto e se si fossero "diveriti", ma oggi l'entusiasmo dei partecipanti é stato spento da quella casistica che, seppur minima, c'è e bisogna saperla affrontare! Caso di oggi: ernie ombellicali in due vitelle, ma una é decedura durante l intervento...colgo l'occasione per dire ai colleghi che seguono la clinica mobile Che sono cose che possono succedere, nonostante tutto venga eseguito secondo manuale, è bisogna far tesoro di queste esperienze perché devono forgiare il nostro carattere, saremo medici veterinari che avranno a che fare con la vita (parti, inseninaxioni, interventi d 'urgenza....) ma anche con la morte (eutanasie o morti inspiegabili che rientrano in quel 5-10% di casi) l'importante é studiare e fare le cose con impegno e lucidità in modo da mantenere la % di questi episodi sempre bassa, perché se le cose vengono fatte bene e con coscienza, la notte la testa sul cuscino la potete appoggiare tranquilli e sereni, pronti per affrontare le nuove sfide cliniche che la professione ci propone!
    Non posso che concludere con un enorme grazie al prof. Sciorsci e alla prof.ssa Rizzo che ci permettono questa importante esperienza formativa.

    RispondiElimina
  77. Essendo ancora poco pratico di grossi animali , ho trovato questa opportunità molto interessante ed istruttiva. Disponibilità e comprensibilità massima dei Prof nello spiegare gli interventi e ,soprattutto, nel coinvolgere. Insomma ci si immerge a360°( e no solo con il braccio)!

    RispondiElimina
  78. Se potessi tornare indietro, una cosa che farei certamente sarebbe quella di trascorrere delle giornate nelle tipiche masserie pugliesi con il prof Sciorsci, la prof.ssa Rizzo, la dott.ssa Piccinno e vecchi colleghi, ascoltando le loro lezioni, seguendo praticamente i casi clinici che la realtà locale offre e degustando prodotti rigorosamente locali. Un mega abbraccio. A presto

    RispondiElimina
  79. La clinica mobile è sicuramente una grande opportunità per noi studenti di interagire con allevatori e fare pratica nel vero senso della parola. Bisogna veramente ringraziare chi organizza e si occupa della clinica mobile.

    RispondiElimina
  80. Una importantissima opportunità per gli studenti per conoscere queste realtà e iniziare a gestire delle respondabilità dato che sono impegnati in prima persona nelle attività

    RispondiElimina
  81. Grazie alla clinica mobile sto consolidando la mia passione per la buiatria.
    Sin dalla prima uscita è stato vero amore grazie soprattutto all'approccio che i nostri professori hanno con gli studenti. Già dalla prima volta sono stata parte attiva dell'intervento (una dislocazione abomasale a sinistra) e dall'iniziale agitazione ho svolto i miei compiti alla perfezione perché i professori non solo mi hanno assistita, ma per ogni cosa mi hanno dato tutte le spiegazioni possibili e immaginabili sui motivi e sulle metodiche di svolgimento. È proprio questo approccio che rende indelebili le nozioni apprese.
    È una grande opportunità per gli studenti appassionati delle specie di interesse zootecnico come me di poter fare esperienza di campo che sicuramente in futuro mi darà una marcia in più per poter lavorare in questo settore.

    RispondiElimina
  82. Ho assistito ad un intervento di ruminotomia esplorativa la scorsa settimana ed ho preso attivamente parte ad esso. Un opportunità che solo la clinica mobile può darti.

    RispondiElimina
  83. Andare per gli allevamenti con la clinica mobile è sempre un'emozione perché non c'è mai il rischio di rimanere in disparte ad osservare. Siamo sempre tutti attivi e coinvolti come è avvenuto proprio oggi andando in un allevamento di suini a fare delle castrazioni. Con la pratica si riesce a imparare molto più in fretta e meglio.

    RispondiElimina
  84. Grazie alla clinica mobile ti ritrovi a poter fare cose che non hai mai neanche mai immaginato di essere in grado di fare: le chirurgie sugli animali da allevamento!! Grazieee

    RispondiElimina
  85. Esperienza molto utile per chi ha scelto questa facoltà, ma allo stesso tempo divertente. Ho conosciuto la clinica tramite un convegno organizzato alla nostra università, e sono già uscito 2 volte con la clinica. In entrambe le uscite ho avuto la possibilità di agire con le mie mani su animali vivi nonostante fossi solo al secondo anno del corso di studi. Secondo me é una delle cose davvero più utile alla nostra formazione da veterinari in qualsiasi campo presente nella nostra università!

    RispondiElimina
  86. Penso sia doveroso innanzitutto ringraziare il prof Sciorsci e la prof.ssa Rizzo per la grande opportunità che ci offrono settimana dopo settimana. Senza la clinica mobile, infatti, molto probabilmente noi studenti non avremmo la possibilità, in altri contesti universitari, di approcciare la chirurgia degli animali da reddito già prima della laurea, che non è cosa da poco! E' un'esperienza che consiglio vivamente a chiunque voglia intraprendere la strada della buiatria: ci si mette in gioco, si scende in campo, si lavora (anche divertendosi), e soprattutto ci si rende conto dell'utilità di tutte le nozioni apprese nel corso degli studi che spesso ci appaiono superflue o troppo complesse da capire. Io finora ho già fatto tre uscite nelle quali ho avuto modo di assistere a due interventi di risoluzione di ernia ombelicale in una vitella e in un suino, ad un intervento di risoluzione di una dislocazione abomasale sinistra (caso interessantissimo!) e a vari interventi di castrazione di un suino criptorchide e di alcuni suinetti; tutti casi che finora avevo trovato soltanto nei libri e che visti dal vivo appaiono molto più chiari e comprensibili!

    RispondiElimina
  87. È stata una bellissima esperienza poter andare con la clinica mobile insieme alla Prof.ssa Rizzo ed al Prof. Sciorsci, entrambi molto disponibili... in campo si percepisce ancor più l'amore per la materia... abbiamo potuto assistere ad un cesareo in una bovina, ad un riposizionamento di un abomaso in una dislocazione, poi ancora ad un intervento per un laparocele in una capra e a diagnosi di gravidanza con sonda ecografica...
    Ringrazio anche Pinuccio e gli allevatori che ci hanno accolto con grande ospitalità...

    RispondiElimina
  88. Oggi abbiamo avuto l'occasione di cimentarci con il mondo dell'ecografia per fare diagnosi di gravidanza nella specie caprina. È stato veramente emozionante, non solo perché utilizzare l'ecografo è un'esperienza nuova, ma anche perché riuscire ad identificare la presenza di una nuova vita nell'utero di una madre con le proprie mani non ha paragoni.

    RispondiElimina
  89. Oggi, grazie ad una piloropessi, eseguita su una vacca con dislocazione abomasale a sinistra, abbiamo approfondito le metodiche diagnostiche e operative e appreso l'importanza delle tecniche di contenimento, indispensabili per una buona riuscita di un intervento.

    RispondiElimina
  90. Grazie alla dedizione e all'impegno del prof. Sciorsci e della professoressa Rizzo c'è stata data l'opportunità di imparare nuove cose e soprattutto di metterci alla prova con nuove metodiche chirurgiche per poter stare al passo coi tempi. Abbiamo avuto modo di osservare una laparoscopia esplorativa, cosa che senza la clinica mobile difficilmente avremmo potuto vedere. È stato emozionante e davvero molto interessante! Grazie mille.

    RispondiElimina
  91. meravigliosa esperienza

    RispondiElimina
  92. A farmer once told me one of the greatest luxuries of his life was to wake up early only to go back to sleep again.“ — James Herriot
    Come il mio caro Prof.Sciorsci anche io sogno sempre quando leggo i racconti di James Herriot, sogno il mio futuro da medico veterinario , che si sa, è fatto di amarezze ma anche tante piccole ma grandi Gioie. Ma la cosa più bella è che questo sogno una volta a settimana prende forma, e diventa un pulmino bianco che ci guida verso un'altra avventura ... Prima o poi arriverà l'ultima pagina di questo romanzo e sarà allora che gli insegnamenti pazienti dei miei due prof, Sciorsci e Rizzo, dovranno essere applicati. Grazie infinite <3
    Flavia (la casinista)

    RispondiElimina
  93. Dal primo giorno che entrai a far parte del team della clinica mobile insieme alla Prof.ssa Rizzo, al Prof. Sciorsci e agli studenti che la frequentavano già da tempo, sono stata subito rapita dal mondo del veterinario di campo. Fino a quel giorno per me la veterinaria si fermava all'ambulatorio con il cagnolino e il gattino, ma con loro quel giorno scoprii un mondo tutto nuovo e me ne innamorai subito! Non dimenticherò mai il mio primo giorno perché fin dal primo momento il professo mi mise in prima linea: indossai i miei primi guanti chirurgici, imparai a tenere in mano i ferri, a passarli nel modo corretto e provai per la prima volta il batticuore del "ora tocca a te"! E oggi voglio scrivere di un emozione nuova, quella di vedere il sorriso e l'entusiasmo di chi per la prima volta si approccia alla veterinaria di campo: ho rivisto me stessa in loro ed è stato bellissimo vedere che tutti i sacrifici che i professori fanno per portare avanti questa fantastica attività sono così tanto apprezzati dagli studenti! Non ripeterò mai abbastanza quanto sia bella e utile questa esperienza, e non finirò mai di ringraziare il Prof. Sciorsci e la Prof.ssa Rizzo per tutto questo e per la loro infinita pazienza e disponibilità.

    GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  94. Oggi, siamo intervenuti con la clinica mobile per una ernia ombelicale in un vitellino di un mese di età. Mi è già capitato altre volte di assistere a interventi su ernie, ma ogni caso è unico ed ha le sue peculiarità. È bellissimo poter arricchire il proprio bagaglio culturale di tanti particolari, tante sfaccettature. Teoricamente sappiamo tutti che tipi di ernie esistono, ma vederle dal vivo, pian piano tutte,permette di assimilare i concetti indelebilmente. Quella di oggi era una ernia riducibile con manovre di taxis, di piccole dimensioni, la cui porta erniaria era di facile identificazione alla palpazione. Sentirne i margini mi ha emozionato perché era la prima volta che riuscivo a palparli così bene. Non vedo l'ora di assistere ai prossimi interventi!

    RispondiElimina
  95. Sono una studentessa del secondo anno e la clinica mobile è una delle esperienze più belle che si possano fare. Sono i primi momenti in cui entriamo a contatto con gli animali e possiamo vedere e toccare con mano quello che sarà il nostro futuro. Consiglio a tutti anche solo un'uscita con la clinica e vi accorgerete che non vi basterà una sola volta ma avrete voglia di uscire con loro altre mille volte. Questo perché i professori spiegano ogni passaggio e sono super disponibili. Super consigliata.

    RispondiElimina
  96. Sono una studentessa del secondo anno e la clinica mobile è una delle esperienze più belle che si possano fare. Sono i primi momenti in cui entriamo a contatto con gli animali e possiamo vedere e toccare con mano quello che sarà il nostro futuro. Consiglio a tutti anche solo un'uscita con la clinica e vi accorgerete che non vi basterà una sola volta ma avrete voglia di uscire con loro altre mille volte. Questo perché i professori spiegano ogni passaggio e sono super disponibili. Super consigliata. Amanda Ferri

    RispondiElimina
  97. Sono una studentessa al secondo anno che non ha ancora le idee ben chiare riguardo al futuro e credo che la clinica mobile sia un'ottima opportunità per poter mettere in pratica la nostra professione in maniera diversa e più versatile, in modo da ampliare i nostri orizzonti. Ringrazio il prof Sciorsci e tutto il team per l'opportunità che offrono a tutti i ragazzi, senza distinzioni. Bellissima esperienza
    Camilla Sardella

    RispondiElimina
  98. Considerando che c'è la possibilità di potervi partecipare anche nei primi anni del corso di veterinaria,reputo la clinica mobile un'ottima occasione per poter vedere nella pratica ciò che si è affrontato nella teoria potendosi anche già approcciare a materie che verranno affrontate negli anni successivi. Sicuramente consigliata.

    RispondiElimina
  99. Ho partecipato ad una castrazione di equino, ed è stata una bellissima esperienza, soprattutto perché essendo al secondo anno non mi era mai capitato di entrare a contatto con un equino. Consiglio a tutti la clinica mobile!

    RispondiElimina
  100. LILLI BERNARDI20 maggio 2019 02:19

    è stato bellissimo uscire con la clinica mobile, un esperienza che consiglio di fare a tutti.
    Lilli Bernardi

    RispondiElimina
  101. Oggi, abbiamo avuto l'opportunità di operare una vacca con il cancer eye. Provare con le proprie mani ad effettuare un'anestesia all'occhio è stato veramente emozionante e istruttivo. Mi sento veramente fortunata di poter imparare cose così complesse attraverso la pratica. Tutto ciò è possibile grazie alla clinica mobile ❤

    RispondiElimina
  102. Oggi in clinica mobile giornata piena, tra endometriti, discolazioni abomasali e visite ginecologiche! Anche se da spettatrice c'è sempre da imparare sulla pratica buiatrica. E poi che dire, stare in compagnia in posti di campagna è sempre bello per me!
    Flavia

    RispondiElimina
  103. meravigliosa esperienza !

    RispondiElimina
  104. Sono sempre stata interessata alla chirurgia bovina infatti chiedendo consiglio ai colleghi più grandi mi sono iscritta per le uscite con la clinica mobile. E' un'esperienza bellissima sia da protagonista sia da semplice spettatore dato che in un modo o nell'altro si impara. Sarò sempre grata ai Professori Rizzo e Sciorsci per l'opportunità che ci offrono di imparare sul campo e per la pazienza e la voglia di insegnare a noi studenti.
    Samantha Fallea

    RispondiElimina